Premio Leo de Berardinis Under 35

Il teatro guarda al futuro a partire da nuovi talenti.

Per il Premio Leo de Berardinis Under 35, organizzato dal Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, sono stati selezionati i 14 progetti che passeranno alla seconda fase.

La giura della prima edizione del Premio – composta da Roberto Andò, direttore del Teatro di Napoli, Viola Ardone, scrittrice, Mimmo Basso, direttore operativo del Teatro di Napoli, Maurizio Braucci, scrittore e sceneggiatore, Ippolita di Majo, sceneggiatrice e autrice, Davide Iodice, regista di teatro – ha ammesso alla seconda fase della manifestazione i seguenti progetti:

BRAZIL, AGLI OCCHI DI DIO – drammaturgia e regia di Elena Margaret Starace;

CAINI – drammaturgia e regia di Mario De Masi;

GELO – drammaturgia e regia di Domenico Ingenito;

GIUSEPPINA LA CANTANTE OVVERO IL POPOLO DEI TOPI – drammaturgia e regia di Laura Ottieri;

LEMONS LEMONS LEMONS LEMONS – di Sam Steiner, progetto/adattamento/regia di Davide Pascarella;

LE BUSTE – drammaturgia e regia di Gennaro Esposito;

MINORANZE – L’IMPASTO DELLA DOMENICA – drammaturgia e regia di Sharon Amato;

OCCIDENTE – drammaturgia di Dario Postiglione, regia di Giuseppe Maria Martino;

OPERA DIDASCALICA – drammaturgia e regia di Alessandro Paschitto;

PALAZZI DI CRISTALLO – drammaturgia e regia di Valerio Pietrovita;

PE NA LISCA E LINO – drammaturgia e regia di Fabio Di Gesto;

PLAY – drammaturgia di Daniela Montella, regia di Gianni Nardone;

QUEL CHE RESTA DELLA CARNE – drammaturgia e regia di Daniele Marino;

UNDER THE INFLUENCE – drammaturgia e regia di Gianmaria Borzillo.

Gli artisti selezionati esporranno frammenti o parti dei loro progetti in forma diretta e performativa il 16 febbraio 2021.

La giuria sceglierà, in forma collegiale, i progetti vincitori del Premio.

Il Teatro di Napoli – Teatro Nazionale finanzierà ciascun progetto vincitore con un economico per un valore massimo di 30.000 euro e seguirà i progetti attraverso un tutoraggio produttivo.

Saranno selezionati 3 progetti di nuova creazione, due dei quali saranno programmati dal Teatro di Napoli, e uno, selezionato per il suo carattere interdisciplinare, sarà programmato al Museo Madre.

www.teatrodinapoli.it