Per le migliori opere di divulgazione scientifiche c’è il Premio Asimov

Parte la quarta edizione del Premio Asimov, nato per avvicinare il mondo della scienza e quello della scuola. Il Premio, istituito sin dal 2015 grazie alla collaborazione tra il Gran Sasso Science Institute (GSSI) e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), si avvale di una giuria composta da migliaia di studenti e studentesse di scuola superiore che sceglierà il miglior libro di cultura o divulgazione scientifica pubblicato negli ultimi due anni in Italia.

Il Premio Asimov è un’iniziativa multi-sede. Le undici sedi della commissione scientifica del premio, una per ogni regione partecipante – Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria – si coordinano tra di loro per il successo dell’iniziativa, collaborando con 100 scuole superiori di tutta Italia.

L’intera commissione scientifica si compone di 250 membri, per metà docenti di scuola superiore e per metà professori universitari, ricercatori, studenti di dottorato, giornalisti, scrittori, rappresentanti del mondo della cultura.

Le sette opere finaliste selezionate quest’anno dalla commissione scientifica sono:

-          Guido Barbujani – Andrea Brunelli, Il giro del mondo in sei milioni di anni, Il Mulino
-          James Gleick, Viaggi nel tempo, Codice
-          Jerry Kaplan, Intelligenza artificiale. Guida al futuro prossimo, Luiss Edizioni
-          Lamberto Maffei, Elogio della parola, Il Mulino
-          Giorgio Manzi, Ultime notizie sull’evoluzione umana, Il Mulino
-          Guido Saracco, Chimica verde 2.0, Zanichelli
-          Sara Sesti & Liliana Moro, Scienziate nel tempo. 100 biografie, Ledizioni

Gli studenti e le studentesse interessati a partecipare alla giuria leggeranno uno o più libri finalisti, li valuteranno e li voteranno, e prepareranno una o più recensioni, caricando entro il 3 marzo 2019 tutte le informazioni sul portale del Premio Asimov: https://asimov.gssi.it/.
Le recensioni saranno lette e valutate dalla commissione scientifica e le migliori saranno a loro volta premiate. Gli enti organizzatori certificheranno le recensioni valide, e sarà facoltà delle scuole riconoscere il lavoro dei giurati ai fini di percorsi di alternanza scuola-lavoro o di crediti formativi.

Il 13 aprile, in ciascuna sede regionale, i libri in lizza saranno presentati al pubblico, dagli autori delle migliori recensioni. Subito dopo, in contemporanea tra le undici sedi, verrà annunciato il libro vincitore della quarta edizione del Premio Asimov per il 2019.

Molte le novità di questa quarta edizione. Oltre alle quattro nuove regioni che si sono appena aggiunte (Campania, Lazio, Toscana, Emilia Romagna), anche la lista di enti organizzatori e patrocinatori si è ulteriormente arricchita dell’Associazione Nazionale Librai (ALI), delle Sezioni INFN di Bologna, Napoli, Pisa e Roma, del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Bologna, dell’Università di Napoli Federico II, dell’Institute of Applied Sciences and Intelligent Systems (ISASI-CNR), del Centro Siciliano di Fisica Nucleare e Struttura della Materia.

La Commissione per il coordinamento della terza missione dell’INFN contribuirà all’organizzazione dell’incontro nazionale tra i migliori recensori e l’autore vincitore, che si terrà nel prossimo autunno.