L’infinita provocazione di Balthus in mostra a Roma

La provocazione dell’amore, senza paure, ritrosi e, pudori. L’eros come celebrazione di esistenza, di ogni momento. Per questo il genio di Balthus non ha mai smesso di indagarlo. E l’occasione della grande mostra monografica alle Scuderie del Quirinale a Roma visitabile fino al 31 gennaio 2016 è da non perdere.

Di Balthasar Klossowski de Rola, in arte Balthus (1908-2001), maestro tra i più originali ed enigmatici del Novecento, il cui rapporto con la città eterna fu decisivo per gli indirizzi della sua arte, sono in mostra circa duecento opere, tra quadri, disegni e fotografie, provenienti dai più importanti musei europei ed americani oltre che da prestigiose collezioni private, compongono un avvincente percorso in due segmenti: alle Scuderie del Quirinale una completa retrospettiva organizzata intorno ai capolavori più noti, a Villa Medici un’esposizione che, attraverso le opere realizzate durante il soggiorno romano, mette in luce il metodo e il processo creativo di Balthus: la pratica di lavoro nell’atelier, l’uso dei modelli, le tecniche, il ricorso alla fotografia.

Per maggiori informazioni: www.scuderiequirinale.it/categorie/mostra-balthus