“Getting there” e altre mostre al Pan


“Getting there”, la mostra al Pan di Luciano Sozio a cura di Serena Ribaudo, inaugurata il 6 novembre, sarà visitabile fino al 30.

L’opera che presta il nome alla mostra è un’installazione in ferro, vetro e nylon che simboleggia una goccia. La quasi totalità dell’esposizione è costituita da quadri in acrilico su tela dove i colori mescolandosi tra loro creano un’atmosfera suggestiva. Alla fine del percorso c’è la visione di un video le cui immagini sono accompagnate in sottofondo dalle note di un pianoforte.

Probabilmente l’opera con il maggior impatto visivo è un’altra installazione intitolata “Our time”: 65 bambole in plastica tutte colorate diversamente e ognuna rinchiusa in una goccia di vetro.

Inoltre al Pan è possibile visitare altre mostre tra cui “I’m Perfect” a cura di Monica Massera dal 6 al 24 novembre incentrata sulla creatività e il design che è parte integrante della nostra quotidianità, “I’m the boss of the doll” di Ambra Caminito a cura di Valentina Rippa, la mostra accompagnata dall’ascolto di musica elettrica trasporta in una travolgente spirale di immagini.

Dal 15 al 30 novembre la mostra “Pane” al Pan di Francesco Paolantoni che con originalità crea mosaici con tasselli di pane colorato.

Tutte le mostre sono visitabili gratuitamente al Pan, aperto tutti i giorni dal lunedì al sabato (martedì escluso) dalle 9.30 alle 14.30.

Ila. Err.