Sculture di ghiaccio: apre a Napoli il primo museo “ON ICE”

Unica al mondo, la Ice Art Gallery, museo permanente del ghiaccio, nasce per paradosso in una città calda come Napoli, in un vicolo del corso Umberto, via Denza n°6, proponendosi come luogo alternativo per le serate partenopee: promenade di statue “ghiacciate” e punto di ritrovo.
Il museo nasce da un progetto del presidente dell’Associazione italiana scultori di ghiaccio, Amelio Mazzella di Regnella che, realizzando sculture strettamente connesse alla città di Napoli e utilizzando come materia prima esclusivamente l’acqua del Serino, inaugura l’idea con il “made in Naples”.
A dare il benvenuto ai visitatori, all’ingresso, un enorme Pulcinella, la riproduzione delle due torri del Maschio Angioino e la distribuzione di calde pellicce per meglio intraprendere la “gelida” visita nelle tre sale sottostanti.
L’area espositiva di 120 metri quadrati è, infatti, una vera e propria cella frigorifera con una temperatura media di 3 gradi sotto lo zero per permettere alle opere di non sciogliersi.
Secondo il progetto, l’Ice Art Gallery rappresenta un laboratorio dinamico in cui ciascun artista dà il proprio contributo rinnovando, di volta in volta, le opere e cambiando così continuamente il tema delle esposizioni. Solo nel primo anno si prevede l’utilizzo di oltre trecento tonnellate di ghiaccio cristallino.

Intanto, in attesa del proprio turno – alle sale si accede in gruppi di trenta e per un tempo medio di venti minuti – i visitatori potranno adagiarsi sulle poltrone di ghiaccio della hall, degustando tisane calde o cocktails, e magari giocando a dama o a scacchi con pedine artiche.

(B. I.)